10 Titoli Petroliferi Da Comprare

Se consideriamo l’ultimo anno, le performance dei titoli petroliferi è stata al di sotto delle aspettative! Infatti, le quotazioni dei maggiori gruppi globali sono scese del 2% (in $), mentre le compagnie specializzate in “Esplorazione e Produzione” (E&P) hanno registrato un incremento del 5% rispetto a un rialzo dell’indice Msci Global del 17%.

Tuttavia, l’attuale minaccia di un intervento armato americano contro la Siria tiene in “ostaggio” le quotazioni del petrolio…..che potrebbero anche salire a $150 al barile, nel peggiore dei casi! Quindi, la prospettiva di un incremento dei prezzi del petrolio, porta l’investitore a guardare con interesse ai titoli del settore petrolifero che già nelle ultime sedute hanno beneficiato del rialzo del greggio e potrebbero continuare ad approfittarne in caso di ulteriori salite delle quotazioni della materia prima.

+

10 titoli petroliferi

Secondo gli esperti di Ubs, una delle più importanti società di servizi finanziari, non è il momento di essere ottimisti su tutto il settore: in questo particolare momento, consigliano infatti di fare acquisti selettivi. A questo proposito, eccovi i 10 titoli che secondo loro meritano il rating “buy” (comprare).

1. ANADARKO PETROLEUM (APC)

Questa società petrolifera statunitense, che ha una capitalizzazione di $46 miliardi, è un operatore indipendente nel business E&P. Secondo gli analisti di Ubs, registrerà nel 2014 un aumento del cash flow per azione (rettificato per il debito) superiore alla media, a fronte di una crescita intorno al 7% nei prossimi anni, grazie ai nuovi giacimenti scoperti in tutto il mondo e alle risorse non convenzionali in Usa. Il target price è fissato a $105 contro una quotazione attuale di $95,27 (+15%). I risultati del terzo trimestre 2013 saranno comunicati il 3 novembre.

Plus500

2. BG GROUP (BG.L)

Nell’ultimo anno il colosso inglese del petrolio, che ha una capitalizzazione di £42,2 miliardi, sembrerebbe aver perso la fiducia degli investitori a causa dell’incapacità di rispettare i traguardi di crescita fissati e dell’aumento dei rischi in alcuni Paesi (come Egitto e Brasile). Tuttavia, la qualità dei suoi asset resta comunque altissima, con il Santos Basis, un enorme giacimento offshore in Brasile che dovrebbe trascinare l’aumento dei volumi e del cash flow dal 2015. Il prezzo obiettivo è $1.400 (+13%), mentre la sua quotazione attuale è pari $1.206,50. I risultati del terzo trimestre 2013 saranno annunciati il 31 ottobre.

3. Continental Resources (CLR)

Continental Resources è una delle principali società petrolifere americane, con sede nell’Oklahoma. Gode di molta stima fra gli investitori, anche grazie alla sua capacità di innovazione. Il target price del titolo, che capitalizza $17,1 miliardi, è di 110 dollari (+19%), mentre la sua quotazione attuale è pari a $102,10. I risultati del terzo trimestre 2013 saranno comunicati il 6 novembre.

4. ENI (ENI)

La compagnia petrolifera italiana, che ha una capitalizzazione di 63,5 miliardi di euro (83,7 miliardi di dollari), ha fissato un prezzo obiettivo di 19 euro (+10%), che implica uno sconto del 17% rispetto al p/e (prezzo/utile) medio del settore e che corrisponde a un p/e 2014 di 9,3, in linea con la media e un rendimento molto elevato della cedola nel prossimo anno (5,9%). La quotazione attuale è pari a $17,34. Nel terzo trimestre 2013 dovrebbe avviare un piano di buyback.

5. EOG RESOURCES

Per chi non lo sapesse, questa società è considerata universalmente uno dei migliori operatori indipendenti nel settore E&P grazie alla sua lunga storia di crescita, all’elevato Roce (ritorno sul capitale impiegato), alla qualità del management e ad un ottimo know-how tecnico. Grazie a risultati operativi solidi e migliori rispetto ai suoi più diretti concorrenti, il titolo dovrebbe tornare ad essere scambiato a premio rispetto alla media. Al titolo, che capitalizza 42,8 miliardi di dollari, è stato quindi assegnato un target price di $175 (+11%) a dispetto di una quotazione attuale di $167,71. I risultati del terzo trimestre 2013 saranno comunicati il 5 novembre.

6. Lukoil (LKoe)

Gli analisti di Ubs prevedono per la compagnia petrolifera russa, che capitalizza 45,6 miliardi di dollari, un tasso di crescita della produzione in 10 anni (2012-2021) del 3,5%, che potrebbe essere anche superiore grazie alle acquisizioni che ha programma. Grazie a delle finanze solide e a buone prospettive future, il target price è stato fissato a $73: ciò implica un potenziale di rialzo del 25%. La quotazione attuale del titolo Lukoil è pari $64,95. I risultati consolidati saranno resi noti nel mese di Novembre.

7. NOBLE ENERGY (NBL)

Questa società petrolifera ha sede negli Stati Uniti, ma ha interessi nella Guinea equatoriale e nel Mediterraneo orientale, oltre a progetti di sviluppo a lungo termine nel Golfo del Messico e in Israele. I suoi punti di forza sono la visibilità a lungo termine della produzione e il tasso di crescita del cash flow. Il target price del titolo, che capitalizza $22,1 miliardi, è di $73…con uno spazio di rialzo del 19%. La quotazione attuale è di $66,74. I risultati del terzo trimestre 2013 saranno comunicati il 30 ottobre.

8. Novatek (N10)

La società russa, che ha una capitalizzazione di $36,6 miliardi, è uno delle compagnie petrolifere meglio gestite fra quelle dei Paesi emergenti, con un tasso di crescita previsto della produzione a cinque anni del 5,4%. Altri suoi punti di forza sono inoltre il Roace (ritorno sul capitale impiegato) molto elevato (22%), che realizzerà fra il 2013 e il 2017. Il margine di rialzo del titolo è del 30% ($155), a fronte di un prezzo attuale di $99,98. I risultati consolidati del terzo trimestre 2013 saranno annunciati a Novembre.

9. SINOPEC (SHI)

La cinese Sinopec è fra i più grandi gruppi asiatici nel settore chimico e raffinazione. Il suo potenziale di sviluppo dipende dalla trasformazione in atto, che la porterà a focalizzarsi su nuove aree e alla cessione di asset non strategici, mentre un fattore di rischio è rappresentato dall’alto indebitamento, con il ratio debito/patrimonio che nel 2013 dovrebbe toccare il 58% (dal 42% del 2010!). Il prezzo obiettivo del titolo, che capitalizza $84,5 miliardi, è $7,6 (borsa di Hong Kong, pari ad un +32%). La sua quotazione attuale è di $4,49.

10. TOTAL (TOT)

Il colosso petrolifero francese, che ha una capitalizzazione di $132,9 miliardi, è il più piccolo fra le maggiori cinque compagnie petrolifere mondiali (big 5), con il business upstream che è sempre più globale, mentre il downstream è più focalizzato in Europa. Il target price è fissato a 44 Euro, ma potrebbe essere rivisto a breve al rialzo. La quotazione attuale è pari a 42,61 Euro. I risultati del terzo trimestre 2013 saranno comunicati il 31 ottobre.

 

plus500

 

(* I CFD sono strumenti ad alto rischio. Il 74-89% di investitori perde i propri soldi facendo trading sui CFD. Sii consapevole che potresti perdere i soldi che decidi di investire.)

Vuoi conoscere e seguire valide strategie di Trading? Ecco IL CORSO giusto da seguire!
... Dopo il Corso, allenati senza rischiare con un Conto Demo

(* I CFD sono strumenti ad alto rischio. Il 74-89% di investitori perde i propri soldi facendo trading sui CFD. Sii consapevole che potresti perdere i soldi che decidi di investire.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *