7 Azioni Con Dividendi Che Potrebbero Raddoppiare Nei Prossimi 5 Anni

Nelle mie quotidiane letture finanziarie mi concentro molto sull’andamento delle azioni con dividendi.

7 Azioni Con Dividendi Che Potrebbero Raddoppiare Nei Prossimi 5 Anni

Chi non vorrebbe scoprire azioni che potrebbero avere il potenziale per raddoppiare negli anni a venire? Usando la Regola del 72, per raddoppiare il valore in cinque anni, un’azione dovrebbe conseguire un rendimento totale annualizzato del 14,4%. Sembra abbastanza facile! (leggi anche Come Investire: La Regola del 72).

Sapete come si è comportato l’indice S&P 500 negli ultimi cinque anni? L’ETF SPDR S&P 500 (NYSEARCA: SPY) ha registrato un rendimento totale annualizzato dell’11,3% negli ultimi cinque anni fino al 22 aprile scorso. L’ETF Invesco S & P 500 Equal Weight (NYSEARCA: RSP), la versione equivalente del S&P 500, ha generato un rendimento totale annualizzato del 9,6%, 170 punti base in meno del SPY e 480 punti base in meno del 14,4% del rendimento totale necessario.

7 Azioni Con Dividendi Che Potrebbero Raddoppiare Nei Prossimi 5 Anni

Detto questo, sarà quindi difficile trovare sette titoli che paghino un dividendo e possano apprezzare a un ritmo a due cifre in un lasso di tempo così breve. Tuttavia, sono riuscito a trovare sette titoli azionari che hanno raddoppiato il loro prezzo negli ultimi cinque anni e che potrebbero ripetere le stesse performance nei prossimi cinque.

Domino’s Pizza (NYSE: DPZ)

Rendimento totale annualizzato a 5 anni: 29,4%


Prova il Trading Online con Plus500

(* I CFD sono strumenti ad alto rischio. Il 74-89% di investitori perde i propri soldi facendo trading sui CFD.)


Dividend Yield: 0,9%

Domino’s Pizza nell’ultimo anno ha ottenuto performance abbastanza positive. essendo cresciuta del 7,5% fino ad oggi (compresi i dividendi). Negli ultimi quattro trimestri, DPZ ha battuto le stime degli analisti in tre occasioni, con una media del 5,1% a trimestre. Nel primo trimestre, gli analisti prevedono un utile per azione di $ 2,08, superiore di otto centesimi rispetto a quello dello stesso periodo dell’anno precedente.

+

Gli analisti vedono le crescenti vendite di Domino del 7,7% nel primo trimestre a $ 846 milioni. Un tasso di crescita pari a quello del primo trimestre dell’anno scorso. In termini di vendite, si prevede una crescita del 6,5%, superiore di 90 punti base rispetto al quarto trimestre.

Il primo trimestre dell’anno sarà il 101 ° trimestre consecutivo di crescita delle vendite. Con la tecnologia che guida gli affari di Domino nei prossimi anni, credo che Domino’s Pizza potrebbe essere ancora una scommessa vincente per gli anni a venire.

Microsoft (NASDAQ: MSFT)

Rendimento totale annualizzato a 5 anni: 26,7%

Dividend Yield: 1,4%

Non credo ci siano dubbi sul fatto che Microsoft sia una società migliore da quando il CEO Satya Nadella prese il timone dell’azienda nel Febbraio 2014. Da allora ad oggi, chi ha investito $10.000 nel titolo MSFT oggi ha ben $ 32.650.

Sfortunatamente, se Nadella non riuscirà a tenere sotto controllo la cultura aziendale sul posto di lavoro, potrebbe essere tutto inutile! Gli avvocati di Microsoft hanno infatti negato che la società discrimini sistematicamente le donne e ha sottolineato che il governo federale ha condotto quasi due dozzine di indagini su presunte discriminazioni retributive basate sul lavoro dell’azienda come appaltatore. Le verifiche hanno comportato solo una violazione, secondo le prove fornite nei registri giudiziari.

Sono incline a credere che Nadella sia abbastanza intelligente da sapere che certe discriminazioni sessiste facciano male agli affari. Quindi non credo che ci saranno problemi al raddoppio delle azioni MSFT per la seconda volta in dieci anni.

S&P Global (NYSE: SPGI)

Rendimento totale annualizzato a 5 anni: 24,0%

Dividend Yield: 1,0%

S&P Global è una società che si occupa principalmente di informazioni finanziarie e analitiche, il cui prezzo delle azioni è raddoppiato negli ultimi cinque anni grazie anche a flussi di entrate diversificati.

È la società madre di S & P Global Ratings, S & P Global Market Intelligence e S & P Global Platts ed è il proprietario di maggioranza della joint venture S & P Dow Jones Indices.

Nell’ultimo trimestre, il business degli indici ha generato solo il 13,4% delle entrate complessive. Tuttavia, ha generato il 18,6% dei profitti operativi dell’azienda.

Nel frattempo, sebbene la sua attività di rating – la società più grande per ricavi e profitti – abbia visto una leggera crescita nel 2018, gli altri tre segmenti (Indici, Market Intelligence e Platts) hanno tutti ottenuto risultati positivi. Non vi sono quindi motivi per dubitare della crescita del titolo SPGI nei prossimi anni.

Apple (NASDAQ: AAPL)

Rendimento totale annualizzato a 5 anni: 23,3%

Dividend Yield: 1,4%

Ora che la lunga “faida” tra Apple e Qualcomm (NASDAQ: QCOM) è ufficialmente finita (per violazione di alcuni brevetti), la società di Cupertino può finalmente concentrarsi sulla crescita (leggi anche Azioni Apple: Le 5 Linee di Business Più Redditizie).

Apple ha accettato di pagare a Qualcomm una cifra (non dichiarata) in anticipo e ha firmato un contratto di licenza di brevetto globale della durata di sei anni con la società di San Diego con una possibile estensione di due anni. Inoltre, Qualcomm fornirà Apple i chip per i suoi modem iPhone 5G.

Rimangono delle domande sul perché le due società si siano improvvisamente riappacificate dopo le furiose liti in tribunale degli ultimi due anni. Tuttavia, per un’azienda non è mai bello dover pensare al business con problemi legali in testa, quindi le notizie dovrebbero essere considerate positive per gli azionisti di entrambe le società.

Detto questo, molti analisti sono concordi nell’affermare che la ragione fondamentale per possedere azioni Apple è semplice: si tratta infatti della prima azienda tech al mondo e ha la solidità finanziaria per sostenere la sua crescita per molti anni ancora. Senza contare che ha un rapporto prezzo/utili di 14 (P/E), che è il più basso fra i titoli mega cap del settore.

Apple offre agli investitori un bilancio e un flusso di cassa solido e prodotti e servizi che i consumatori desiderano utilizzare.

Constellation Brands (NYSE: STZ)

Rendimento totale annualizzato a 5 anni: 21,4%

Dividend Yield: 1,4%

Da quando Constellation Brands ha acquisito il 9,9% di Canopy Growth (NYSE: CGC) per $ 245 milioni nell’ottobre 2017, il valore del suo titolo azionario è migliorato tantissimo.

Diciannove mesi più tardi, Constellation ha investito ulteriori $ 4 miliardi in Canopy per una partecipazione del 38% nella società con garanzie esercitabili che potrebbero portarne la proprietà al 50%.

Il 18 aprile scorso, Canopy Growth ha annunciato di aver firmato un accordo definitivo che gli conferisce il diritto di acquistare il 100% di Acreage Holdings (OTCMKTS: ACRGF), una società con sede a New York che possiede licenze per coltivare cannabis in 20 stati con un popolazione totale di 180 milioni (circa cinque volte l’intera popolazione del Canada). Gli azionisti di Acreage Holdings riceveranno immediatamente $ 300 milioni.

Una volta che la cannabis diventerà legale su base federale negli Stati Uniti, Canopy eserciterà il suo diritto di acquistare Acreage, emettendo agli azionisti della società 0,5818 CAD di azioni Canopy Growth per ogni azione Acreage detenuta, per un valore totale di $ 3,4 miliardi.

L’accordo dà a Constellation un motivo in più per essere felice del suo investimento multimilionario in Canopy Growth. Tra birra, vino, alcolici e cannabis, Constellation ha quattro diversi flussi di entrata per crescere nei prossimi cinque anni.

A.O. Smith (NYSE: AOS)

Rendimento totale a 5 anni: 20,2%

Dividend Yield: 1,4%

A.O. Smith ha avuto un ottimo inizio anno dopo aver sofferto per quasi tutto il 2018. Ad oggi (compresi i dividendi), ha recuperato la maggior parte, se non tutte, le perdite dall’anno scorso.

Di questa società mi piace che applica la globalizzazione nel modo giusto: produce prodotti in Cina che vende in Cina; lo stesso vale per i mercati del Nord America e dell’India.

Ma indipendentemente da ciò che accade in Nord America, la Cina e l’India continueranno a rappresentare i mercati più importanti dell’attività complessiva della società. Al momento, i due paesi rappresentano il 24% delle vendite, ma si aspetta che le vendite (soprattutto in India) raddoppieranno nel giro di pochi anni.

Attualmente, le sue attività in Cina hanno rappresentato il 34% dei suoi $ 3,2 miliardi di entrate complessive nel 2018, in rialzo significativo rispetto al 2012. Detto questo, si aspetta che le sue vendite in Cina scendano nel 2019.

Sebbene la maggior parte della sua attività provenga da scaldabagni e caldaie, nel 2012 la società ha iniziato ad operare anche nel settore del trattamento delle acque. I ricavi sono cresciuti in questo segmento da $ 35 milioni a $ 400 milioni, un tasso di crescita annuale composto del 42%.

ResMed (NYSE: RMD)

Rendimento totale a 5 anni: 17.5%

Dividend Yield: 1.5%

Le azioni ResMed sono in calo dell’11,9% da inizio anno (compresi i dividendi), la peggiore performance su base annua dal 2015.

Se avete problemi a dormire, i prodotti ResMed potrebbero salvarvi la vita. La società produce e distribuisce dispositivi medici come le macchine per curare apnee del sonno che aiutano il paziente a respirare meglio la notte.

L’apnea ostruttiva del sonno è il collasso delle vie aeree superiori che rende difficile respirare. Si stima che solo 26 adulti su 100 sono coscienti di avere questa patologia, che può portare nel tempo a conseguenze gravi come ictus, insufficienza cardiaca, diabete di tipo 2 e altre condizioni croniche.

Un’altra area di crescita per l’azienda è il trattamento della broncopneumopatia cronica ostruttiva, comunemente nota come BPCO; è la terza principale causa di morte in tutto il mondo che colpisce oltre 380 milioni di persone.

Da quando ha realizzato la sua prima acquisizione SaaS (software-as-a-service) nel 2012, ResMed ha creato un ecosistema connesso intelligente per fornire la qualità dell’assistenza ospedaliera a domicilio attraverso l’uso di tecnologia e dati all’avanguardia. Si tratta quindi di un’azienda che continua a stare al passo con i cambiamenti tecnologici e che non avrà problemi a crescere rapidamente nei prossimi anni.

(* I CFD sono strumenti ad alto rischio. Il 74-89% di investitori perde i propri soldi facendo trading sui CFD. Sii consapevole che potresti perdere i soldi che decidi di investire.)

Vuoi esercitarti col Trading? Allenati senza rischiare con un Conto Demo

(* I CFD sono strumenti ad alto rischio. Il 74-89% di investitori perde i propri soldi facendo trading sui CFD. Sii consapevole che potresti perdere i soldi che decidi di investire.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *