Come diventare un investitore conservativo

Scommetto che molti di voi non hanno mai sentito parlare della strategia d’investimento conservativa! Nello specifico, l’investimento conservativo è una strategia di investimento che cerca di preservare il valore di un portafoglio di investimento, investendo in titoli a basso rischio, quali i titoli a reddito fisso e titoli del mercato monetario, azioni e spesso blue-chip o large-cap.

Scommetto che molti di voi non hanno mai sentito parlare della strategia d’investimento conservativa! Nello specifico, l’investimento conservativo è una strategia di investimento che cerca di preservare il valore di un portafoglio di investimento, investendo in titoli a basso rischio, quali i titoli a reddito fisso e titoli del mercato monetario, azioni e spesso blue-chip o large-cap.

investimento conservativoGli investitori conservatori hanno tolleranze al rischio che vanno da un livello basso a moderato. Coloro che hanno bassa tolleranza al rischio sono spesso estremamente a disagio con il mercato azionario e cercano quindi di evitarlo. Tuttavia, anche se questa strategia può proteggere contro l’inflazione, non produrrà nessun guadagno nel tempo! L’investimento conservativo si verifica spesso quando le persone investono il loro denaro in quelle società più grandi e stabili, che a loro volta garantiscono la sicurezza del capitale. Se poi il capitale investito si apprezzerà anche in termini di valore, sarà ancora meglio! Ma questo non è può essere considerato un approccio all’investimento conservativo di successo! Al contrario, un tale punto di vista aumenterà sola la confusione tra l’agire in modo conservativo e il comportarsi in modo convenzionale.

L’investimento conservativo, quando compreso ed applicato correttamente, non è un investimento a basso rischio o a basso rendimento. Gli investitori devono perciò comprendere due definizioni:

  1. Investimento conservativo: è quello che ha maggiore probabilità di preservare il potere d’acquisto del proprio capitale con il minor numero di rischi.
  2. Investire in modo conservativo: è la comprensione di ciò che è un investimento conservativo, e quindi a seguito di una specifica linea di azione necessaria per determinare correttamente se determinati investimenti sono degli investimenti conservativi.

Anche se molti investitori “vacillano” quando devono investire in modo conservativo, essi sono in realtà degli investitori prudenti. In altre parole, tali investitori sono rappresentati dalla prima definizione sopra. Ma tale punto di vista è limitato e costoso! Un approccio conservativo efficace richiede non solo una comprensione di ciò che è un investimento conservativo ma, cosa più importante, l’approccio corretto da adottare per individuare ciò che qualifica veramente un investimento conservativo.

caratteristiche di un investimento conservativo

Se, in base alla prima definizione, gli investitori sanno già che cosa sia un investimento conservativo, si ha però la necessità di sapere quali caratteristiche definiscono un investimento conservativo, che è dove la seconda definizione entra in gioco. Ci sono tre grandi categorie che gli investitori possono utilizzare per identificare un investimento conservativo.

  1. Il fattore sicurezza. Chiaramente, ogni investimento conservativo dovrebbe essere in grado di resistere alle “tempeste del mercato”! Per fare ciò, alcune caratteristiche devono stare fuori. Primo, un business dovrebbe avere un basso costo di produzione. Produrre beni a basso costo ha il vantaggio principale che, quando un anno nero colpisce il settore, vi sarà ancora la possibilità di ottenere un profitto o avere una perdita netta più piccola. In secondo luogo, un business dovrebbe avere un forte settore di Ricerca e Marketing. Una società che non può competere, rimanendo al passo con i cambiamenti del mercato e delle tendenze è destinata a fallire nel lungo periodo. Infine, un imprenditore deve possedere capacità finanziaria. In tal modo, sarà esperto in cose come il costo per unità di produzione, massimizzare il ritorno sugli investimenti di capitale e altri elementi essenziali del successo aziendale.
  2. Il fattore pubblico. Si tratta di un titolo piuttosto auto-esplicativo per un investimento conservativo! In questo caso, bisognerebbe prendere nota dei consigli di Warren Buffett: “Quando un team di gestione con un’ottima reputazione affronta un business con una reputazione economica cattiva, sarà la reputazione dell’azienda a rimanere intatta.” Una piccola azienda può avere successo sulla scia di una o due persone eccezionalmente di talento.
  3. Caratteristiche del business. Questa terza qualità richiede un pò più di lavoro agli investitori, ma ne vale la pena. In questo caso, l’obiettivo per gli investitori sarà quello di determinare quali sono i vantaggi (o gli svantaggi) per impedire all’attività di crescere e guadagnare più profitti, nonostante soddisfi le prime due condizioni. Una cosa importante da considerare è il panorama competitivo del business, l’esistenza di molti concorrenti o la relativa facilità con la quale possono entrare nuovi concorrenti che possono influenzare l’andamento di una società. Il potenziale di eccessiva regolamentazione potrebbe anche essere un punto di svolta.

Anche quando una società soddisfa le condizioni evidenti per essere un investimento conservativo, si dovrebbe sempre ricordare di prendere in considerazione questa terza condizione. I seguenti esempi illustrano ulteriormente questo concetto. Grandi esempi di aziende che superano il test includono nomi come Coca-Cola, Wal-Mart e Johnson & Johnson. Queste aziende hanno dimostrato più e più volte i punti di forza dei loro franchise. Ma ancora più importante, è che queste società continueranno probabilmente ad avere prospettive future molto favorevoli. Coca-Cola compete essenzialmente con la Pepsi, Dr. Pepper….e nessun altro! Per di più, è improbabile che qualche altro imprenditore pensi di creare un’altra grande azienda di bibite!

conclusioni

Da quanto detto, abbiamo capito che investire in modo conservativo non riguarda solo la semplice identificazione di business solidi e di grandi dimensioni, ma anche passare attraverso un processo che identifichi le ragioni per cui una determinata azienda si qualifichi come un investimento conservativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.