– News – Le Borse ripartono dal ritrovato ottimismo su Usa-Cina. Occhi sul BTp Italia

la giornata

Chiusa la borsa di Tokyo per festività, oggi l’unico dato macroeconomico in calendario viene degli Stati Uniti ed è quello relativo alle vendite di case esistenti. In giornata termina il collocamento al retail della quindicesima tranche del BTp Italia, dopo i due miliardi di ordini registrati nel primo giorno

default onloading pic

3′ di lettura

Dopo una prima seduta di settimana positiva per le Borse europee trainate dal cauto ottimismo ritrovato sul negoziato tra Stati Uniti e Cina, oggi – chiusa la borsa di Tokyo per festività – l’unico dato macroeconomico in calendario viene degli Stati Uniti ed è quello relativo alle vendite di case esistenti. In giornata termina il collocamento al retail della quindicesima tranche del BTp Italia, dopo i due miliardi di ordini registrati nel primo giorno. Bankitalia pubblica i risultati per l’Italia dell’indagine trimestrale della Bce sul credito nell’Eurozona.

Sotto osservazione anche la Brexit, nonostante il rinvio del voto del Parlamento inglese sull’accordo raggiunto con Bruxelles: dopo l’ottimismo alimentato dalla scommessa sull’accordo tra Londra e l’Unione europea, poi ufficializzato giovedì, l’incertezza è tornata a caratterizzare la partita. Il Parlamento britannico infatti non si è pronunciato a favore o contro l’accordo, ma ha votato un emendamento che rinvia ogni decisione all’entrata in vigore della legislazione necessaria all’entrata in vigore dell’accordo. Uno scenario che comunque non è stato accolto male dai mercati che nell’ultima settimana avevano scommesso forte sulla chiusura della partita. «Per il momento il mercato non evidenzia segni di nervosismo, anche perché, rispetto a qualche settimana fa, lo spettro del no-deal sembra al momento piuttosto remoto» osservano gli analisti di Mps Capital Services. In ogni caso la sterlina, dopo una prima fase di correzione, è tornata a segnare i massimi da maggio raggiungendo anche quota 1,30 dollari e scendendo sotto 0,86 per un euro, dopo che il presidente della Camera dei comuni, John Bercow, ha rifiutato di mettere al voto oggi l’accordo sulla Brexit tra Londra e l’Unione europea, spiegando che la mozione è stata già esaminata sabato scorso.

Sul Ftse Mib cala Atlantia, bene auto e Prysmian
Sul Ftse Mib hanno brillato i titoli del risparmio gestito, con Finecobank (+2,64%) e Azimut (+4,45%) in prima fila grazie alle valutazioni positive degli analisti di Deutsche Bank, che hanno pubblicato un report sul settore (valutazione «buy» anche per Finecobank, Banca Generali e Banca Mediolanum, confermato invece l’«hold» su Azimut). A passo rapido banche (Bper +2,6% e Unicredit+2,1% le migliori) industriali e auto, in Italia come in Europa, con la schiarita Usa-Cina, mentre in coda al listino principale si sono piazzati i titoli difensivi, in particolare utility e settore sanità. Ha corso inoltre Prysmian (+2,23%), che si è aggiudicata un contratto per il 2020 per la fornitura di sistemi in cavo per torri e navicelle di turbine eoliche con Siemens Gamesa Renewable Energy, colosso dell’industria eolica. Il comparto energetico ha retto al ribasso del petrolio (-0,82% il Wti a dicembre e -1,19% il Brent di pari scadenza).

Borse, 5 market mover da tenere d’occhio la settimana prossima

Spread in leggero rialzo, rendimento decennale all’1,09%
Chiusura in leggero rialzo per lo spread tra BTp e Bund sul mercato secondario telematico Mts dei titoli di Stato. Al termine degli scambi il differenziale di rendimento tra il BTp decennale benchmark (Isin IT0005383309) e il pari scadenza tedesco e’ indicato a quota 143 punti base, dai 141 punti base del riferimento precedente. In netto aumento il rendimento del BTp decennale benchmark, indicato all’1,09%, dall’1,03% del closing di venerdì.

[ad_2]
Approfondisci sul sito risorsa…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.