– News – Mediaset España, recesso a quota 255 milioni, sopra il tetto fissato

la battaglia con Vivendi

Venerdì era stato raggiunto un accordo con Credit Suisse Securities, che si è impegnata a rilevare le azioni per la quota eccedente. L’operazione Mfe e quindi anche il rimborso ai recedenti è comunque sospesa dopo la decisione della Corte di Madrid <a uuid=”ACb5O6q” target=”” channel=”SoleOnLine5″ url=”” type=”articolo”/>di accogliere l’istanza cautelare di Vivendi

default onloading pic

2′ di lettura

È di 255,4 milioni di euro l’ammontare delle richieste di recesso arrivate dagli azionisti di Mediaset España che non hanno approvato il progetto di fusione in MediaForEurope (Mfe). È quanto si legge in una nota della controllata di Mediaset: il recesso riguarda 39.025.077 milioni di azioni e riconosce un controvalore cash di 6,5444 euro per azione. L’ammontare totale è quindi nettamente superiore ai 180 milioni di euro di tetto indicato da Mediaset e Mediaset España come esborso massimo da riconoscere ai soci recedenti.

Tuttavia, venerdì Mediaset España aveva raggiunto un accordo con Credit Suisse Securities, che si è impegnata a rilevare le azioni per la quota eccedente i 180 milioni. Come noto, comunque, l’operazione Mfe e quindi anche il rimborso ai recedenti è sospesa dopo la decisione della Corte di Madrid di accogliere l’istanza cautelare di Vivendi contro la delibera assembleare di Mediaset España che ha approvato l’operazione. In Italia le richieste di recesso sono invece state pari a 1,3 milioni di euro.

LEGGI ANCHE / Duello legale tra Mediaset e Vivendi, cause in Spagna e Olanda

L’assemblea di Mediaset España del 4 settembre, approvando la fusione con la controllante Mediaset aveva dato sostanzialmente inizio al percorso per la nascita di MediaforEurope, la holding di diritto olandese nella quale il Biscione intende concentrare tutte le sue attività e partecipazioni, compreso il 9,6% di ProSiebenSat1.

Quello spagnolo è uno dei terreni di confronto giudiziario tra il gruppo della famiglia Berlusconi e la media company che fa capo al finanziere bretone Vincent Bolloré.

[ad_2]
Approfondisci sul sito risorsa…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.