– News – Milano prosegue gli scambi sui livelli precedenti

(Teleborsa) – L’ultima seduta della settimana le borse del vecchio continente se la lasciano alle spalle senza spostarsi dai valori di vigilia. A pesare sui listini europei l’arrivo dei dazi provenienti dagli Stati Uniti e il rallentamento della crescita Cinese, due fattori che non giovano ad invogliare gli investitori agli acquisti.

Nessuna variazione significativa per l’Euro / Dollaro USA, che scambia sui valori della vigilia a 1,115. Nessuna variazione significativa per l’oro, che scambia sui valori della vigilia a 1.492,3 dollari l’oncia. Nessuna variazione significativa per il mercato petrolifero, con il petrolio (Light Sweet Crude Oil) che si attesta sui valori della vigilia a 53,96 dollari per barile.

Sulla parità lo spread, che rimane a quota +131 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona allo 0,92%.

Tra i mercati del Vecchio Continente trascurata Francoforte, che resta incollata sui livelli della vigilia, si muove sotto la parità Londra, evidenziando un decremento dello 0,30%, e contrazione moderata per Parigi, che soffre un calo dello 0,63%.

Prevale la cautela a Piazza Affari, con il FTSE MIB che continua la seduta con un leggero calo dello 0,24%, mentre, al contrario, giornata senza infamia e senza lode per il FTSE Italia All-Share, che rimane a 24.312 punti. Poco sotto la parità il FTSE Italia Mid Cap (-0,31%), come il FTSE Italia Star (-0,4%).

In luce sul listino milanese i comparti media (+0,82%) e assicurativo (+0,62%).

Nel listino, le peggiori performance sono quelle dei settori alimentare (-1,98%), automotive (-1,98%) e beni per la casa (-1,90%).

Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, acquisti a piene mani su BPER, che vanta un incremento del 2,22%.

Andamento positivo per UnipolSai, che avanza di un discreto +1,78%.

Ben comprata Nexi, che segna un forte rialzo dell’1,75%.

Hera avanza dell’1,34%.

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Moncler, che prosegue le contrattazioni a -3,42%.

Crolla Leonardo, con una flessione del 3,26%.

Vendite a piene mani su Pirelli, che soffre un decremento del 2,59%.

Pessima performance per Fiat Chrysler, che registra un ribasso del 2,37%.

Al Top tra le azioni italiane a media capitalizzazione, Cerved Group (+2,79%), Anima Holding (+2,33%), doValue (+1,48%) e Credito Valtellinese (+1,41%).

Le peggiori performance, invece, si registrano su Brembo, che ottiene -2,94%.

Sessione nera per De’ Longhi, che lascia sul tappeto una perdita del 2,93%.

In caduta libera Interpump, che affonda del 2,79%.

Pesante Salini Impregilo, che segna una discesa di ben -2,58 punti percentuali.




Approfondisci sul sito risorsa…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *