– News – Piazza Affari tonica in un’Europa cauta

(Teleborsa) – All’insegna della prudenza il bilancio nel Vecchio Continente, con gli investitori in attesa del meeting della Federal Reserve e della lettura del PIL USA del primo trimestre 2020. Si distingue la performance positiva mostrata, invece, a Piazza Affari grazie alle imminenti misure di allentamento di lockdown, mentre sembra snobbare il rating a sorpresa da parte di Fitch.

Sul mercato Forex, leggera crescita dell’Euro / Dollaro USA, che sale a quota 1,085. Nessuna variazione significativa per l’oro, che scambia sui valori della vigilia a 1.704,5 dollari l’oncia. Giornata di forti guadagni per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), in rialzo del 13,21%.

In salita lo spread, che arriva a quota +226 punti base, con un incremento di 7 punti base, con il rendimento del BTP decennale pari all’1,76%.

Tra i mercati del Vecchio Continente giornata moderatamente positiva per Francoforte, che sale di un frazionale +0,51%, in luce Londra, con un ampio progresso dell’1,05%. Resta incolore Parigi, che non registra variazioni significative, rispetto alla seduta precedente. Lieve aumento per la Borsa di Milano, che mostra sul FTSE MIB un rialzo dello 0,64%.

Si distinguono a Piazza Affari i settori materie prime (+3,00%), telecomunicazioni (+2,27%) e chimico (+2,19%).

Nella parte bassa della classifica di Piazza Affari, sensibili ribassi si manifestano nei comparti viaggi e intrattenimento (-1,58%), beni per la casa (-0,72%) e media (-0,69%).

Tra le migliori Blue Chip di Piazza Affari, incandescente Leonardo, che vanta un incisivo incremento del 4,51%.

In primo piano Prysmian, che mostra un forte aumento del 4,16%.

Decolla Saipem, con un importante progresso del 4,07% nel giorno in cui l’assemblea ha approvato il bilancio 2019.

In evidenza Telecom Italia, che mostra un forte incremento del 4,06%.

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Juventus, che prosegue le contrattazioni a -4,02%.

Affonda Amplifon, con un ribasso del 2,78%.

Crolla Nexi, con una flessione del 2,32%.

Sotto pressione Moncler, che accusa un calo dell’1,45%.

Tra i protagonisti del FTSE MidCap, Saras (+8,84%), OVS (+3,72%), Fincantieri (+3,71%) e Guala Closures (+2,66%).

Le peggiori performance, invece, si registrano su Banca Farmafactoring, che ottiene -3,67%.

Vendite a piene mani su ERG, che soffre un decremento del 2,73%.

Pessima performance per IMA, che registra un ribasso del 2,35%.

Scivola Datalogic, con un netto svantaggio dell’1,90%.




Approfondisci sul sito risorsa…

------------ Fai Trading senza pagare Commissioni ------------

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *