– News – UniCredit, dal 2020 tassi negativi sui conti «ben oltre» i 100mila euro

mustier intervistato da Bfm TV

Jean Pierre Mustier lo aveva teorizzato quelche giorno fa nelle vesti di nuovo presidente della Ebf. «Questi tassi negativi saranno trasferiti sempre di più ai clienti che hanno depositi consistenti», ha dichiarato alla tv francese Bfm Business

di Luca Davi

default onloading pic

2′ di lettura

Jean Pierre Mustier lo aveva teorizzato qualche giorno fa nelle vesti di nuovo presidente della Ebf, la federazione europea delle banche. Detto, fatto. Unicredit si prepara a recuperare l’impatto dei tassi di interesse negativi, “girandolo” sui clienti con depositi «ben al di sopra» dei 100mila euro.

Lo ha annunciato il ceo dell’istituto di piazza Gae Aulenti in un’intervista alla tv francese Bfm Business. «I tassi negativi verranno trasferiti ai clienti (retail e imprese, ndr) con depositi ben al di sopra di 100 mila euro a partire dal 2020», ha dichiarato Mustier. «Lavoriamo per mettere in pratica» queste misure «nei diversi paesi in cui siamo presenti – ha spiegato – affinché siano operative dall’anno prossimo».

LEGGI ANCHE / Mustier: trasferire i tassi negativi ai correntisti

Mustier ha precisato che i depositi inferiori a 100mila euro saranno esclusi da tale misura, e che la mossa è destinata ad interessare comunque i grandi patrimoni, a cui verranno offerte soluzioni alternative per la gestione della liquidità. «Bisogna proteggere tutti i clienti delle banche più vulnerabili, che sono coperti dal fondo di garanzia dei depositi – ha detto ancora Mustier – e poi caso per caso si può considerare di passare i tassi negativi alle grandi imprese o a certi grandi clienti offrendo un certo numero di alternative». In ogni caso «offriremo ai clienti soluzioni alternative ai depositi come ad esempio investimenti in fondi di mercato monetario senza commissioni e obiettivi di performance in territorio positivo». Il senso è offrire alla clientela «obiettivi di rendimento vicini allo zero piuttosto che avere dei tassi di deposito negativi». «È un’alternativa perfettamente accettabile», ha concluso.

PER APPROFONDIRE / Conti correnti a tassi negativi: realtà in Europa, non in Italia

[ad_2]
Approfondisci dalla risorsa…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.