Quantitative Easing

Il quantitative easing (QE) o allentamento quantitativo è una politica monetaria non convenzionale in cui una banca centrale acquista titoli di Stato o altri titoli dal mercato al fine di abbassare i tassi di interesse e aumentare l’offerta di moneta.

Quantitative Easing

L’allentamento quantitativo aumenta l’offerta di denaro riversando nelle istituzioni finanziarie molto capitale, nel tentativo di promuovere l’aumento dei prestiti e della liquidità. Quando i tassi di interesse a breve termine sono pari o prossimi allo zero e quando la stampa di nuove banconote non è un’opzione, può essere preso in considerazione il quantitative easing.

Quantitative easing

Per eseguire il quantitative easing, le banche centrali aumentano l’offerta di moneta acquistando o vendendo titoli di stato e altri titoli. Aumentare l’offerta di denaro è simile all’aumento dell’offerta di qualsiasi altro asset in quanto abbassa il costo del denaro. Un minor costo del denaro significa che i tassi di interesse sono più bassi e le banche possono concedere prestiti con condizioni più semplici.

Questa strategia viene utilizzata quando i tassi di interesse si avvicinano a zero, momento in cui le banche centrali hanno meno strumenti per influenzare la crescita economica. Se il quantitative easing stesso perde efficacia, la politica fiscale (spesa pubblica) può essere utilizzata per espandere ulteriormente l’offerta di moneta e stimolare la crescita. Nota che l’alleggerimento quantitativo viene spesso definito “QE”.

Quantitative easing: svantaggi

Se le banche centrali aumentano l’offerta di moneta, potrebbero causare inflazione. Nel peggiore dei casi, la banca centrale può causare l’inflazione attraverso il QE senza crescita economica, causando un periodo di cosiddetta stagflazione. Sebbene la maggior parte delle banche centrali siano create dal governo dei loro paesi e siano soggette a controlli regolamentari, le banche centrali non possono costringere le altre banche ad aumentare i prestiti né possono costringere i mutuatari a cercare prestiti e investire. Se l’aumento dell’offerta di moneta non si fa strada attraverso le banche e nell’economia, il QE potrebbe non essere efficace.

Uno dei componenti chiave della crescita a lungo termine della produzione economica è il risparmio di un’economia. In termini economici, il risparmio è uguale all’investimento. Il QE può sopprimere gli investimenti eliminando gli investitori perché hanno scarse possibilità di ottenere un rendimento adeguato quando i costi di capitale sono bassi. La banca centrale può colmare il divario aumentando l’offerta di moneta, ma il QE non può reggere a tempo indefinito. Nel frattempo, gli investitori potrebbero andare altrove per ottenere rendimenti, cosa che potrebbe seriamente danneggiare la crescita a lungo termine dell’economia.

Un’altra conseguenza potenzialmente negativa è che il quantitative easing può svalutare la valuta nazionale. Per i produttori, questo potrebbe aiutare a stimolare la crescita perché i beni esportati risulterebbero essere più economici sul mercato globale. Tuttavia, un valore valutario in calo rende le importazioni più costose, il che potrebbe favorire l’aumento del costo di produzione e i livelli dei prezzi al consumo.

+

Quantitative easing: è davvero efficiente?

Durante i programmi di QE condotti dalla US Federal Reserve a partire dal 2008, la Fed ha aumentato l’offerta di denaro di $ 4 trilioni. Ciò significa che il lato attivo del bilancio della Fed è cresciuto in modo significativo con l’acquisto di obbligazioni, mutui e altre attività (leggi anche Come Investire in Obbligazioni). Le passività della Fed, principalmente riserve presso banche statunitensi, sono cresciute dello stesso importo. L’obiettivo era che le banche prestassero e investissero tali riserve per stimolare la crescita.

Tuttavia, come potete vedere nel grafico seguente, le banche hanno trattenuto gran parte di quel denaro come riserve in eccesso. Al suo apice, le banche degli Stati Uniti detenevano $ 2.7 trilioni di riserve in eccesso, che era un risultato inaspettato per il programma di QE della Fed.

Quantitative easing

La maggior parte degli economisti ritiene che questo programma abbia aiutato a salvare l’economia americana (e mondiale) dopo la crisi finanziaria del 2008. Tuttavia, la portata del suo ruolo nella successiva ripresa è più dibattuta e impossibile da quantificare. Altre banche centrali hanno tentato di distribuire il QE per combattere la recessione e la deflazione con risultati altrettanto nuvolosi.

Quantitative easing in Giappone

A seguito della crisi finanziaria asiatica del 1997, il Giappone è caduto in una recessione economica. A partire dal 2000, la Bank of Japan (BoJ) ha avviato un programma di QE aggressivo per frenare la deflazione e stimolare l’economia. La Banca del Giappone si è spostata dall’acquisto di titoli di stato giapponesi all’acquisto di titoli di debito e titoli privati. La campagna di QE non è riuscita a raggiungere i suoi obiettivi. Ironia della sorte, i governatori della BoJ avevano concluso che “il quantitative easing non era efficace” solo pochi mesi prima di lanciare il loro programma nel 2000. Tra il 1995 e il 2007, l’economia giapponese è scesa da $ 5,33 trilioni a $ 4,36 miliardi in termini nominali, nonostante gli sforzi della BoJ.

Quantitative easing in Svizzera

Anche la Banca nazionale svizzera (BNS) ha adottato una strategia di quantitative easing in seguito alla crisi finanziaria del 2008. Alla fine, le attività possedute dalla BNS sono quasi pari alla produzione economica annuale per l’intero paese, il che ha reso la versione del quantitative easing della Banca nazionale la più grande al mondo in rapporto al PIL. Sebbene la crescita economica sia stata positiva durante la successiva ripresa, risulta incerto il contributo del programma di quantitative easing della BNS in tale ripresa. Ad esempio, sebbene fosse il più grande programma di QE al mondo in rapporto al PIL e i tassi di interesse fossero spinti al di sotto dello 0%, la BNS non era ancora in grado di raggiungere i propri obiettivi di inflazione.

Esempio di quantitative easing

Nell’agosto 2016, la Banca d’Inghilterra (BoE) ha annunciato che avrebbe lanciato un ulteriore programma di quantitative easing per contribuire ad alleviare le preoccupazioni sulla “Brexit“. Il piano prevedeva che la BoE acquistasse 60 miliardi di sterline di titoli di stato e 10 miliardi di sterline in debito societario. In caso di successo, il piano avrebbe dovuto mantenere i tassi di interesse in aumento nel Regno Unito e stimolare gli investimenti delle imprese e l’occupazione.

Da agosto 2016 a giugno 2018, l’Office for National Statistics nel Regno Unito ha riferito che gli investimenti fissi lordi (una misura degli investimenti delle imprese) crescevano a un tasso medio trimestrale dello 0,4%, che era inferiore alla media dal 2009 al 2018. La sfida per gli economisti è rilevare se la crescita sarebbe stata peggiore senza un quantitative easing.

Quantitative easing in breve

L’allentamento quantitativo detto anche quantitative easing e abbreviato in “QE”, è il nome di un’ampia gamma di strategie che una banca centrale può utilizzare per aumentare l’offerta di moneta domestica, ridurre il costo del capitale e stimolare gli investimenti. Il QE è solitamente focalizzato sull’acquisto di titoli di stato dalle banche e viene utilizzato quando i tassi di interesse sono già vicini allo 0%. I programmi di QE sono stati ampiamente utilizzati in seguito alla crisi finanziaria del 2008, anche se alcune banche centrali, come la Bank of Japan, avevano utilizzato il QE per diversi anni prima della crisi finanziaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *