– News – Produzione in modesto recupero a novembre trainata da domanda imprese

(Teleborsa) – Qualche spiraglio dalla produzione industriale a novembre. Secondo gli ultimi dati pubblicati dall’ISTAT, c’è stato un “lieve recupero congiunturale” dopo due mesi negativi. L’indice destagionalizzato della produzione infatti ha registrato un aumento dello 0,1% su mese, in linea con le attese, dopo il calo registrato il mese precedente, portando la media del trimestre a -0,7%.

Corretto per gli effetti di calendario, l’indice complessivo è diminuito in termini tendenziali dello 0,6% (i giorni lavorativi sono stati 20 contro i 21 di novembre 2018), risultando anch’esso in linea con le attese ed attenuando la caduta rispetto a quanto rilevato ad ottobre, anche se presenta un segno negativo per il nono mese consecutivo. Nella media del periodo gennaio-novembre l’indice ha registrato una flessione tendenziale dell’1,1%.

Il recupero di novembre, frenato dal forte calo del settore energetico (-2,1%) ed in parte dai beni di consumo (-0,2%), si manifesta con maggiore intensità nei comparti legati alla domanda di beni intermedi (+0,7%) e strumentali (+0,8%) da parte del sistema produttivo.

Su base tendenziale e al netto degli effetti di calendario, si registra una moderata crescita esclusivamente per il comparto dei beni di consumo (+0,8%); al contrario, una marcata flessione contraddistingue l’energia (-3,9%), mentre diminuiscono in misura più contenuta i beni intermedi (-1,0%) e i beni strumentali (-0,4%).

I settori di attività economica che registrano i maggiori incrementi tendenziali sono la fabbricazione di computer, prodotti di elettronica e ottica (+8,1%), l’industria del legno, carta e stampa (+7%) e la fabbricazione di prodotti chimici (+2,9%). Le flessioni più ampie si registrano nelle industrie tessili, abbigliamento, pelli e accessori (-5,4%), nella fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati (-5,3%) e nella metallurgia e fabbricazione di prodotti in metallo (-4,9%).

(Foto: Max Larochelle on Unsplash)



[ad_2]
Approfondisci sul sito risorsa…

Migliori Broker per il Trading Online

Piattaforme
Min. Deposito
Leva Max
Demo Gratuita
€0
500:1
€50
30:1
€0
100:1

*78% of retail investor accounts lose money when trading CFDs with this provider. You should consider whether you understand how CFDs work, and whether you can afford to take the high risk of losing your money.

investire in oro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *