– News – Borse, 5 market mover da tenere d’occhio la settimana prossima

3) La congiuntura
Gli effetti dell’incertezza correlata alla guerra commerciale sull’economia mondiale sono evidenti da tempo come dimostrano i dati macroeconomici usciti in questi mesi. In particolare in Paesi come la Germania, il cui punto di forza sta nelle esportazioni, e che ha tutto da perdere da una contrazione del commercio globale per effetto dei dazi. Nuovi aggiornamenti su questo fronte sono attesi per la mattinata di giovedì 24 ottobre quando saranno pubblicati gli indici sulla fiducia (Pmi) nel settore manifatturiero e servizi per i Paesi dell’Eurozona. Il consensus degli analisti di S&P Market Intelligence ha messo in conto un leggero miglioramento dell’indice manifatturiero che dovrebbe passare dai 45.7 di settembre a 46.2 punti ad ottobre. In lieve ripresa atteso anche l’indice Pmi servizi previsto in crescita da 51.6 a 52.2 punti

Quanto ci può far male una recessione in Germania

4) L’ultima volta di Mario Draghi
Sempre giovedì 24 è previsto il direttivo della Banca centrale europea. Un appuntamento speciale perché sarà l’ultimo condotto da Mario Draghi nelle sue vesti di presidente. Non sono attese particolari nuove misure dopo l’arsenale di stimoli monetari di cui la Bce ha annunciato di volersi dotare al direttivo di settembre. Draghi potrebbe dare qualche dettaglio sulle tecnicalità del nuovo Qe e spiegare come si potrebbe risolvere il tema della scarsità di titoli acquistabili. È probabile che nel corso della conferenza stampa Draghi voglia dare qualche dettaglio in più sul passaggio di consegne a Christine Lagarde. L’ultimo direttivo Bce sotto la guida di Draghi è stato segnato dalle polemiche per la forte contrarietà alle recenti misure espressa da diversi banchieri del Nord Europa. È probabile che Draghi voglia approfittare della sua ultima volta alla Bce per togliersi qualche sassolino dalle scarpe nel caso qualche giornalista gli ponga domande in merito.

LEGGI ANCHE / Lo strano caso della «rivolta» dei francesi contro Draghi

5) Le trimestrali delle società quotate
Ultimo fronte caldo da tenere d’occhio è quello dei conti trimestrali delle società quotate. La scorsa settimana si è aperta la stagione a Wall Street con i conti delle grandi banche che hanno tenuto banco. Tra i big americani si segnalano nei prossimi giorni Procter&Gamble, Ups e McDonald’s (martedì 22); Boeing, At&T e Microsoft (mercoledì 23); Intel, Amazon e Visa (giovedì 24). Tra le maggiori società per capitalizzazione in Europa si segnalano Sap (lunedì 21); Ubs, Galp e Novartis (martedì 22); Iberdrola e Kering (mercoledì 23); Basf, Daimler, Saipem e Stmicroelectronics (giovedì 24); Eni, Banco Santander, Anheuser-Busch InBev (venerdì 25).

[ad_2]
Approfondisci sul sito risorsa…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.